lunedì 16 dicembre 2013

"ES - Eternal Sabbath" un manga di Fuyumi Soryo

Complice tempo fa una penuria di uscite manga interessanti, ho deciso di recuperare "ES - Eternal Sabbath", manga composto da 8 volumi editi da Star Comics, usciti parecchio tempo fa.
Grazie al negozio Star Shop, che ha un archivio di manga Star Comics davvero vasto, ho recuperato la serie completa senza troppe difficoltà.

Si tratta di un seinen manga psicologico con risvolti thriller, molto accattivante sia come storia che come disegno.
Un gruppo di ricercatori riesce ad isolare il gene "ES", che allunga la vita a dismisura. Il gene però ha dei risvolti inaspettati: è  in grado di ampliare moltissimo le capacità psichiche. 
Shuro, il protagonista (e anche la cavia n.1 del laboratorio) si mescola alla vita quotidiana e ordinaria delle persone, studiando all'università e usando i suoi poteri solo a fini personali, quasi per divertimento (ma mai pericolosi per gli altri).
Nella storia però c'è anche Isak, che sarebbe il clone di Shuro, raffigurato come un bambino di 10 anni. Al contrario di "suo fratello" (se cosi' si puo' definire) il bambino ha deliri di onnipotenza e ce l'ha a morte con coloro che l'hanno creato, ma anche con le persone che non c'entrano assolutamente nulla. Insomma, si sente superiore e cerca in tutti i modi di portare il terrore.

La protagonista del manga resta comunque Mine, una ragazza che fa la ricercatrice genetica nella stessa università in cui studia Shuro. Mine è molto presa dai suoi studi, sacrificando la sua vita privata e i rapporti con gli altri. L'incontro con Shuro sarà fondamentale, sia dal punto di vista umano che da quello professionale.
Ho trovato la lettura estremamente scorrevole, sebbene tratti in parte di argomenti a me poco congeniali, come appunto la genetica.
La narrazione si alterna in momenti in cui, anche grazie a Sasaki (ex membro della squadra di ricerca), si fa di tutto per dare la caccia a Isak, che porta dietro di sè morti gratuite e molto terrore , all'aspetto piu' psicologico (e anche morale) dei vari personaggi.

I disegni di Fuyumi Soryo li ho trovati stupendi, forse con "ES" ha toccato l'apice delle sue capacità [da notare che io non ho mai letto nè sfogliato "Cesare", sua opera piu' recente e di cui tutti parlano bene, ma che per qualche motivo non mi convince].
E' lo stesso stile usato in alcuni suoi racconti brevi contenuti nei due volumi cicciotti unici pubblicati sempre dalla stessa casa editrice e di cui ho fatto pure le mini recensioni.
In particolare sono stata rapita dalla bellezza dei visi dei personaggi, ma anche dalle ambientazioni, tutte molto curate.
Le espressioni dei protagonisti lo sono un po' meno, ma questa pecca l'ho sempre un po' notata in tutti i lavori della Sensei.

L'edizione Star Comics è di quelle economiche, senza sovra copertina e con carta un po' fine, ma che rimane comunque molto onesta nel prezzo e nella qualità in sè.

Consiglio questa serie agli amanti del genere thriller-psicologico e a chi ha voglia di una lettura abbastanza adrenalinica, con colpi di scena ben studiati e che riserva qualche sorpresa.
Molti hanno attribuito ad "ES" l'etichetta manga-horror ma sinceramente credo che essa sia molto sbagliata....Non ho trovato nulla di horror, ovvio certe scene sono un po' crude (e neanche splatter!), quindi non fatevi forviare da etichette sbagliatissime.


"ES - Eternal Sabbath"
Volumi pubblicati: 8 (serie conclusa).
Pubblicato in Italia dalla Star Comics.



Storia: 8,5
Disegni: 9
Edizione Star Comics: 7,5.




9 commenti:

  1. Questa è una di quelle serie che ho in lista recupero da una vita ma non sono ancora riuscita a trovare una buona occasione.
    In ogni caso, visto che ne parli così bene, vedrò di cercarlo con più attenzione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Aca-chan ^__^ Vedrai che merita moltissimo ;)

      Elimina
  2. In casa è mia sorella l'esperta della Souryo xD io ho in lista le serie che ha comprato lei, ovvero Mars e Cesare. Però devo dire che questo mi ispira :) Sembra una storia intrigante e non è nemmeno molto lunga! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mars" IMHO è bello all'inizio, molto bello. Purtroppo poi si perde moltissimo,con l'arrivo di personaggi tanto per allungare un po'...Insomma perde il mordente....
      "Cesare" non l'ho mai letto ma me ne parlano davvero bene...^^

      In ogni caso questo "ES" è molto diverso dai 2 titoli sopra citati, trattandosi di un thriller psicologico ;)

      Elimina
    2. sì in molti mi hanno detto che nella seconda parte tende ad esagerare :/
      Cesare l'ho sfogliato e ne ho leggiucchiato delle parti e sembra davvero molto bello, anche se un po' pesante per via delle frequenti note e spiegazioni interne alla storia. Ma, giustamente, è un argomento che può risultare ostico per il pubblico italiano, figuriamoci per quello giapponese!

      Lo terrò di certo in considerazione :)

      Elimina
  3. Il tratto della sensei Soryo mi piace, anche se nemmeno io sarei proprio un "fan" dell'argomento trattato in questo manga... Però se lo trovo a un prezzo conveniente mi sa che lo provo^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è piaciuto a me, nonostante l'argomento, piacerà anche a te, ne sono convinta^^

      Elimina
  4. Io l'ho trovato un manga di una freddezza allucinante: mi è stato proprio impossibile affezionarmi anche ad un solo personaggio (e pensare che a me il genere sci-fi piace moltissimo!).
    Non ricordo nemmeno se l'ho rivenduto (ma mi pare di sì).

    D'altra parte con la Souryo ho sempre avuto un rapporto controverso: l'unica sua opera che posso dire di apprezzare è Cesare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti questa sensazione di freddezza l'ho avvertita anche io, specie con la protagonista che è l'unica "umana" 100% (vabbè apparte Sasaki e le figure di contorno) e tra un po' ho trovato piu' umano Shuro che non lei....

      In effetti anche io ho un rapporto d'amore/odio con quest'autrice, piu' d'odio ad essere sinceri però nonostante la freddezza e le situazioni un po' allucinanti, questo manga mi è piaciuto moltissimo...Forse l'ho apprezzato anche perchè è stato un valido "break" ai solito shoujo che leggevo in quel periodo.

      Elimina