martedì 6 gennaio 2015

Pagelle: "Pink" + "Helter Skelter" by Kyoko Okazaki

Titolo: "Pink"
Autore: Kyoko Okazaki
Volumi: 1 (volume unico)
Genere: Josei

Editore: Vertical (USA).


Trama: Yumi è una ragazza un po' sognatrice, ama il colore rosa e...ha come animale domestico un grazioso coccodrillo! Tiene tantissimo a lui, tanto che la sua casa è quasi sgombra e la riempie di piante per creare un habitat quanto meno vicino a quello che dovrebbe essere l'habitat di un coccodrillo "d'appartamento". Yumi di giorno fa l' OL (l'office lady, termine usato in Giappone per quelle ragazze che in un ufficio si occupano di rispondere al telefono, fare fotocopie, preparare e servire il tè e via dicendo), mentre di notte si prostituisce, perchè ama tantissimo spendere soldi in vestiti.
Yumi ha una matrigna con cui non va per niente d'accordo e una sorellastra, Keiko, che invece adora. Un giorno conosce l'amante della matrigna, un giovane ragazzo di nome Haruo di professione scrittore.
Tra i due nasce una relazione, e quando la matrigna lo verrà a sapere, le conseguenze non saranno per nulla piacevoli.
Il finale è davvero amarognolo, nel senso che mentre lo leggevo m'è caduta letteralmente una tegola in testa :( Non mi aspettavo un'epilogo così e mi è spiaciuto molto, ma ovviamente non anticipo nulla per non rovinare la "sorpresa", se così possiamo chiamarla.

Consigliato? Assolutamente Sì! L'ho trovato adorabile! Mi sono identificata molto in Yumi, questa ragazza sognatrice ma molto determinata, che sa cosa vuole e cerca di ottenerlo, seppur prostituendosi per avere i soldi.
I personaggi di contorno come Keiko, Haruo e la matrigna sono tutti ben caratterizzati. Ci sono vari richiami ad altre opere, ad esempio c'è un capitolo dove la Okazaki disegna Biancaneve e infatti la matrigna prepara una torta di mele avariata per la sua "amata" figliastra. Ma "Snow White" è solo uno dei pochissimi omaggi.
Il tratto della Okazaki è  grezzo, ma quel grezzo che rende molto piu' veritieri i personaggi e la storia, che non ad esempio protagoniste con occhioni ipertrofici e luccicanti.

L'edizione Vertical è molto curata, il traduttore usa diversi termini in slang ma tutto sommato si capisce. Probabilmente hanno optato per questa scelta perchè forse nell'originale i protagonisti stessi parlavano in maniera un po' sboccata.
L'unica cosa che mi ha lasciata perplessa è che mancano note di approfondimento. Ci sono tanti richiami ad altre opere o cose, anche giapponesi, di cui però non c'è un glossario. Ad esempio la protagonista ad un certo punto cita due riviste di manga giapponesi "Monthly Margaret e Bouquet"...per me non è stato un problema perchè le conoscevo, ma immagino che non tutti sappiano cosa siano. Tutto sommato l'edizione poteva essere migliore sotto certi aspetti.

Storia: 8,5
Disegni: 7

Edizione Vertical: 8.




Titolo: "Helter Skelter"
Autore: Kyoko Okazaki
Volumi: 1 (volume unico)
Genere: Josei

Editore: Vertical (USA).


Trama: Liliko è una modella di successo, bellissima e sempre sulla cresta dell'onda. In realtà la ragazza è frutto di un'operazione d'immagina studiata a tavolino dalla sua manager, che da ragazza grassa e senza un prospettante futuro, l'ha trasformata in una bomba sexy, prima facendole perdere peso e poi sottoponendola a dolorose operazioni per migliorare il suo aspetto, rifacendo il naso, le labbra, il seno...Tutto questo in una clinica ambigua, dove la proprietaria chiede alle sue clienti di tornare a fare controlli periodici.
Mentre un fascinoso ispettore inizia ad indagare su ragazze che si sono suicidate connesse a questa clinica, Liliko è in ascesa, diventando attrice e cantante, partecipando a trasmissioni TV e diventando sempre piu' popolare. 
La ragazza però dentro si sente vuota, è infatti tutto un' "apparire" tanto che lei stessa ammette di non essere in grado nè di recitare nè di cantare.
Quando nella sua agenzia entra la giovanissima e bella Kozue, Ririko inizia a perdere colpi e purtroppo si faranno sentire anche gli effetti indesiderati di tutte quelle operazioni a cui si era sottoposta...E ormai, quasi impazzita, intreccia un rapporto morboso con la sua assistente personale Hata e il ragazzo di lei.
In un vortice di pazzia, isteria e investigazioni che faranno luce sulla clinica, assistiamo ad un epilogo abbastanza shoccante e ad una lettura globale che mi ha tenuta incollata dall'inizio alla fine. 

Consigliato? Assolutamente sì! Anche se per certe scene bisogna avere un po' di stomaco forte, ho trovato questo manga assolumente geniale. La Okazaki fa una bella denuncia sul tema della "bellezza a tutti i costi e del non invecchiare mai", e solo prendendo ad esempio una starlette o idol, come le chiamano i giapponesi, poteva riuscirsi appieno. 
In questa storia si affrontano diversi temi, come l'abuso di medicine, l'andare a letto con "potenti" solo per un avanzamento di carriera ma soprattutto è una lettura molto psicologica, che ti penetra dentro.
Per l'edizione Vertical non aggiungo altro se non che è uguale a quella di "Pink" solo che all'interno stavolta si trovano un po' illustrazioni a colori (e almeno una di queste poteva essere usata come disegno di copertina, anche l'occhio vuole la sua parte)^^.

Storia: 9
Disegni: 7

Edizione Vertical: 8.

Vi consiglio di leggere gli approfondimenti  del sito Shoujo Manga Outline per avere recensioni piu' esaustive (e scritte molto meglio)^^
"Pink" "Helter Skelter"

PS: ringrazio la mia amica Pippi per i preziosi consigli pre-lettura^^.

12 commenti:

  1. Risposte
    1. Sono davvero molto belli....io spero davvero che qualcuno si svegli e li pubblichi in italiano, per il semplice fatto che meritano piu' di altri manga che vengono pubblicati e non sto parlando di manga commerciali ma anche di certi titoli abbastanza di nicchia che vengono scelti a discapito di questi =_=

      Elimina
  2. Probabilmente tra i migliori josei che abbia mai letto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Insieme a "Questo non è il mio corpo" molto probabilmente ;) In ogni caso si vede che la Anno è stata un'allieva della Okazaki (cosi' mi pare di aver capito...o un'assistente). In ogni caso anche nei disegni si nota tantissimo.

      Elimina
  3. Ammetto che la traduzione by Vertical di Helter Skelter non mi ha fatto impazzire: troppo slang, ed alcuni passaggi li ho trovati incredibilmente banalizzati (linguisticamente parlando) rispetto alla traduzione francese e a quella inglese delle vecchie scan. Sul valore delle due opere non si discute: la Okazaki è un tesoro nazionale! E il fatto che ancora non sia arrivata in Italia è veramente materia di riflessione (dico la verità, su un eventuale pubblicazione by Hikari ci credo poco).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riguardo la traduzione francese non posso mettere becco perchè ahimè non lo capisco bene, a questo punto mi sarebbe piaciuto molto leggere la traduzione delle vecchie scan per fare un confronto. Per fortuna la Vertical ha abbandonato l'uso eccessivo dello slang nelle sue altre pubblicazioni (in "Utsubora ad es. non lo ricordo, così come in "What did you eat yesterday").

      LOL, con Hikari vedere autrici donne ci ho perso la speranza davvero, spero che qualche altra casa editrice si svegli e ci faccia un pensierino giusto il fatto perchè meritano proprio di essere pubblicate in lingua italiana a mio avviso.

      Elimina
  4. Sembrano due titoli interessantissimi! Me li segno ;) del primo mi piace molto la cover!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto interessanti, tra l'altro facendo due calcoli non costano neanche cari...cioè mi spiego meglio...

      "Helter Skelter" che ha 320 pagine o giu' di li, l'ho pagato sugli 11 € mentre "What did you eat yesterday" che di pagine ne ha 150 circa, lo pago sui 10.
      C'è qualcosa che non va, anche perchè la casa editrice è la stessa LOL.
      "Pink" di pagine ne ha circa 260 e l'ho pagato poco meno di "Helter Skelter".
      Sarebbe stato bellissimo se di "Helter Skelter" avessero usato la copertina originale giapponese che ho postato io o quella francese, invece hanno usato la tavola di una pagina =__=
      Concordo quella di "Pink" è molto bella e stavolta hanno rispettato la cover giapponese^^.

      Elimina
  5. Sembrano entrambi molto interessanti. Mi attira soprattutto il secondo, spero di riuscire a leggerlo, prima o poi.
    Complimenti per il post! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio di cuore :3
      si sono due titoli entrambi molto interessanti^^
      Grazie per aver commentato ;)

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Arrivo dal post di "nonamour"... insomma, in confronto era acqua di rose! o.o ma so che se me li trovassi davanti li leggerei sicuramente, da brava masochista :b

    RispondiElimina